Come selezionare i selezionatori del personale?

come-selezionare-i-selezionatori-del-personale-01

3 semplici considerazioni per evitare di farti scartare da chi non ha la professionalità e la competenza per valutarti.

Nota. Quando gli autori fanno riferimento a “Società di Selezione” o simili, non intendono assolutamente riferirsi a tutta la categoria bensì solo a quella parte che opera in maniera scorretta e poco professionale.

Si è abituati a dare un valore a una professione a seconda di risultati misurabili. Ad esempio per misurare il valore di un commerciale si considera il volume delle sue vendite mentre per un magazziniere si valuta la facilità di transito della merce che egli gestisce.

Ci sono professioni invece a cui è molto difficile esprimere un giudizio dall’esterno.

E’ il caso della professione del selezionatore del personale. Proprio perché è un mestiere complesso e difficile da comprendere spesso viene fatto oggetto di critiche alle volte ingiuste e molto pesanti in particolare da chi viene soggetto alla loro attività: i candidati.

Le persone che si rapportano con i selezionatori del personale hanno atteggiamenti diversi che vanno dalla devozione al totale disprezzo.

Non è raro per alcuni selezionatori essere continuamente “corteggiati” tramite i social network o tramite altri mezzi (attività che alle volte diventa quasi una forma di stalking) mentre al contrario molti di loro (la maggior parte) vengono beffeggiati e disprezzati.

Ricevi subito le tue guide gratuite per trovare un nuovo lavoro!

Chi segue la seconda (e più comune) forma di valutazione considera chi deve valutare le loro candidature, come persone:

  • Arroganti
  • Superficiali
  • Incompetenti
  • Insensibili

L’evento che scatena questo sentimento di solito nasce quando la persona capisce che la sua candidatura a un annuncio di lavoro è stata scartata per motivi discriminatori come l’età oppure (evento molto più irritante) quando non si ottiene alcuna risposta o aggiornamento sullo stato della selezione.

Come nella maggior parte dei lavori (nessuno escluso) ci sono selezionatori molto professionali e competenti che sono veramente in grado di identificare il migliore candidato e contemporaneamente mantenere un ottimo rapporto con tutti gli altri, mentre ce ne sono altri che invece non lo sono altrettanto.

Alcuni selezionatori arrivano addirittura a pubblicare annunci di lavoro inesistenti pur di mantenere una facciata di professionalità e competenza che spesso non meritano.

Di seguito ti descrivo alcuni  aspetti che possono farti capire le differenze tra il selezionatore del personale professionista e chi ha difficoltà a esserlo (purtroppo questi ultimi sono in maggior numero) evitando così di perdere il tuo tempo su qualcosa che non ti darà mai risultati.

Le tre considerazioni per capire se il selezionatore è un professionista o un perditempo.

Proposte chiare e complete.

Chi si occupa di selezione, spesso deve partecipare alla stesura dell’offerta di lavoro da pubblicare nei siti specializzati. Un’offerta troppo sintetica e generalista provoca nei candidati la tendenza a inviare la loro candidatura anche se ci sono delle piccole differenze o mancanze. Tutto questo provoca una ondata di candidature che è molto difficile gestire in maniera efficace.

Il professionista evita all’origine il problema presentando un’offerta di lavoro in maniera molto dettagliata e completa in maniera che i candidati meno preparati capiscano che non è il caso di presentarsi lasciando spazio a chi lo è molto di più.

Un’offerta lavorativa di 100 parole dove non sono riportati tutti gli elementi che indicano cosa si cerca, deve farti venire il dubbio che stai perdendo il tuo tempo.

Utilizzo di diversi strumenti. 

Il Curriculum Vitae standard è un documento redatto con il fine di descrivere la situazione personale, scolastica e lavorativa di una persona. Purtroppo proprio per la sua natura generalista che lo vuole come lo strumento da usare in tutte le occasioni indifferentemente dal tipo di candidato cercato, questo strumento è troppo superficiale.

Il selezionatore professionista accetta anche proposte che si esprimono tramite formati e strumenti molto diversi, con la disponibilità a valutare anche documenti complessi nel caso il candidato abbia una lunga esperienza. Alcuni selezionatori che non comprendono a fondo il valore del loro ruolo, scartano qualsiasi candidatura che li impegna eccessivamente.

Se hai molto da raccontare e vedi che il selezionatore fa riferimento a limiti sulla lunghezza oppure impone formati come quello europeo, evita di adeguare la tua candidatura a questi limiti: non c’e’ molta speranza di essere valutati correttamente.

Specializzazione.

Il risultato finale di una buona selezione, è qualcosa che possa risultare la migliore combinazione tra le esigenze dell’azienda cliente e quelle del candidato. Questo è possibile solo se si conosce quali sono i reali valori della professione per cui si sta cercando un candidato.

Scartare sin dal primo momento un candidato adottando parametri che non centrano nulla con il business dell’azienda cliente, non è un buon modo di fare selezione del personale. Le migliori società di recruiting adottano un modello per cui i loro selezionatori devono specializzarsi solo un particolare tipo di professione da valutare.

Se vedi che a fronte di diversi annunci per diversi tipi di figura professionale appare sempre lo stesso selezionatore, immagina il peggio e procedi oltre.

Cosa puoi fare quando capisci che non hai di fronte dei professionisti.

Come ho già descritto in un precedente articolo, la tua mente registra ogni tentativo fallito e ti presenta il conto quando superi un certo numero.

Appena hai il sospetto che il destinatario della tua candidatura non sia in grado di capire il tuo vero valore, devi contattare direttamente l’azienda finale adottando un metodo che ti permetta di essere valutato correttamente (in particolare se hai raccolto una certa maturità professionale) e non correre il pericolo di perdere la fiducia in te stesso se non vieni contattato.

Ti segnalo delle guide e video gratuiti che possono aiutarti a evitare di essere scartato senza motivo. Per leggerle, inserisci qui sotto la tua email.

Ricevi subito le tue guide gratuite per trovare un nuovo lavoro!

Buon lavoro!
David

voglio-i-video01

A cosa stai pensando?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.