Troppo qualificato: 3 significati nascosti e come superarli

Impari, fai carriera, acquisisci conoscenze e capacità e un bel giorno vieni scartato perché troppo qualificato?

Ma cosa vuol dire? Sei esperto e capace perché viene considerato un problema e non una risorsa?

Ti riporto alcuni dei motivi per cui i selezionatori ti etichettano “troppo qualificato” e come evitare che questa assurda situazione capiti anche a te.

  1. Non capisce perché vuoi questo lavoro

Se la retribuzione o livello proposto non sembrano sufficienti al tuo livello di esperienza, oppure dai l’impressione che con la tua esperienza presto ti stancherai del ruolo, il selezionatore potrebbe considerarti troppo qualificato.

Se al selezionatore non trova una valida risposta alla domanda: “perché vuoi questo lavoro?” potrebbe considerarti troppo qualificato e scartarti.

Per chi seleziona non ha alcun senso sceglierti per un lavoro con caratteristiche al di sotto delle tue capacità. Non vuole correre il rischio di assumere qualcuno che sarà presto annoiato e demotivato in quanto il lavoro non è abbastanza impegnativo.

Potrà sembrarti strano ma alcuni selezionatori potrebbero scartarti convinti di farti un piacere.

  1. Pensa che l’azienda non sia sufficiente per il tuo talento

Immagina la situazione di un selezionatore di una piccola o poco conosciuta azienda. Cerca con il passaparola o pubblica un annuncio di lavoro. Si presenta una persona che lavora da anni in un’azienda molto più grande e conosciuta, magari il leader assoluto del suo settore. Cosa fa?

All’inizio gli viene un brivido di piacere al pensiero di poter disporre di una persona con un talento consolidato ma in realtà poco dopo si spaventa di questa situazione. Pensa di non potersi permettere questa persona, pensa che sia troppo qualificata e la scarta.

Probabilmente è successo anche a te. Appari troppo per l’azienda e la reazione è scartarti. 

  1. Ha paura che ti perderà presto

Una persona con capacità ed esperienza ha molte più probabilità di trovare un altro lavoro. Le persone di talento sono e saranno sempre richieste.

Assumere un dipendente, inserirlo e portarlo al massimo potenziale costa tempo e denaro. Nessun selezionatore si prenderebbe la responsabilità di scegliere qualcuno che in breve tempo si licenzia perché ha trovato di meglio. Il rischio troppo alto in questo caso.

Se sei un candidato molto competente nella tua professione, il selezionatore potrebbe etichettarti “troppo qualificato” e scartarti perché teme che lascerai il lavoro dopo poco tempo.

Se poi cambi spesso lavoro, potresti subito trovarti affibbiata l’etichetta del troppo qualificato. Il selezionatore esaminando i tuoi precedenti lavori si farà l’idea che sei solito cambiare per cui ti scarterà senza pensarci troppo.

Come evitare di essere scartato perché “troppo qualificato”

Non puoi cambiare quello che sei. Non puoi neanche cancellare parte del tuo passato lavorativo.

Quello che invece puoi fare è cambiare il modo con cui comunichi. Limitarti a parlare di te, delle tue conoscente e capacità ti porta ad essere scartato perché valutato troppo qualificato. Succederà ogni volta.

Parla invece di quello che la tua preparazione ed esperienza può portare. Fai capire che il motivo per cui desideri lavorare in quella specifica azienda è qualcosa di veramente significativo per te.

Descrivi di come l’esperienza ti abbia aiutato nella tua missione della vita professionale. Quindi spiega come l’azienda e il tuo ruolo ti aiuteranno a completare la tua missione in modo significativo.

Non permettere alle tue abilità di ostacolare la tua carriera. Cambia solo il modo con cui vengono valutate.

Buon lavoro!
David

A cosa stai pensando?