Over 40: Stress da ricerca del lavoro. Come evitarlo?

Scopri se la ricerca del lavoro ti sta portando allo stress, cambia il modo di agire e risolvi il problema prima che sia troppo tardi.

È tanto che cerchi lavoro. Prima avevi solo qualche sospetto ma adesso ti sembra sempre più chiaro che la tua età ti sta ostacolando nella ricerca del lavoro.

Provi sempre più ansia e stress durante la tua solita attività di ricerca. Forse… stai imboccando quella pericolosa strada chiamata depressione.

Il solo fatto di preparare il tuo Curriculum Vitae e lettera di presentazione prima di rispondere ad un annuncio o auto candidarti, ti mette in uno stato di stress. Sapere che non riceverai alcuna risposta – neanche negativa – ti fa sentire impotente.

Le tue scarse aspettative e il continuo stato di incertezza sono il sintomo di una sofferenza sempre più difficile da mascherare a quelle persone che ti vogliono bene e che sono preoccupate per te.

L’impossibilità di trovare quel lavoro che vuoi e sai di meritare, ti provoca quei disturbi dello stato d’animo che ti porteranno alla depressione.

Come è iniziato il tuo stress da ricerca del lavoro?

Un giorno inizi a provare fastidio nel dover compilare per l’ennesima volta i soliti dati in uno dei tanti portali per la ricerca lavoro.

Poi la sensazione negativa si è estesa.

  • Provi una mancanza di fiducia di fronte a qualunque offerta di lavoro. Sei scettico e il tuo livello di incertezza diventa sempre più difficile da sopportare.
    .
  • Rimandi l’invio delle tue candidature. Trovi qualche scusa per farlo dopo o per non farlo per nulla.
    .
  • Sei demotivato. Anche quando ti chiamano per un colloquio telefonico iniziale, lo affronti con scarso interesse. Gli insuccessi precedenti ti pesano troppo.
    .
  • Cominci a dubitare delle tue capacità. Prima quelle professionali poi quelle personali.
    .
  • Diventi sordo ai messaggi di speranza e agli aiuti del tuo ambiente famigliare.

Come puoi superare il problema della ricerca del lavoro?

Hai mai sentito la frase “cercare lavoro è un lavoro”? Non so chi l’abbia pronunciata per primo ma dietro queste poche parole è presente una delle verità più importanti per chi cerca lavoro dopo aver superato i 40 anni.

Ecco come ti consiglio di agire.

  1. Guarda la lista degli atteggiamenti negativi che ti ho descritto prima. Ne stai assumendo almeno uno? Bloccati e riconosci il tuo stato: stai procedendo di corsa verso lo stress e la depressione.
    .
  2. Pensa a quello che hai fatto. Hai inviato a raffica Curriculum Vitae ovunque sperando che la quantità di tentativi potesse darti qualche vantaggio. È normale che tu lo abbia fatto, nessuno ti aveva mai spiegato che ogni tentativo a vuoto era una moneta emozionale spesa ed adesso le tue scorte di auto motivazione si sono esaurite.
    .
  3. Osserva il tuo comportamento. Leggi ed applichi qualsiasi consiglio trovi su come si trova lavoro in pochi minuti e senza fare fatica. La nostra mente predilige le soluzioni semplici ed immediate e purtroppo la rete è piena di esche per farti abboccare. Tu non hai fatto altro che seguire la strada che sembrava più breve.
    .
  4. Smetti di improvvisare. Ferma tutte le attività fatte di istinto, i tentativi basati sul numero, sulla continua ripetizione. Fermati.

Sei pronto? Adesso ascolta.

Ti ricordo la frase precedente “cercare lavoro è un lavoro”.

Se sei un Over 40 per cui di esperienza ne avrai maturata tanta. Ti chiedo ora di ripercorrere la tua carriera dall’inizio fino ad oggi. Quello che hai fatto durante lo sviluppo del tuo lavoro.

Prima hai studiato. Lo hai fatto a scuola o l’università. Magari hai intrapreso una strada diversa rispetto al tuo iter di studio ma di fatto quello che hai imparato in quel periodo ti ha permesso di trovare il primo lavoro.

Poi hai studiato ed applicato. Non sapevi fare quasi nulla per cui studiavi ed applicavi qualunque cosa era relativa al tuo nuovo lavoro. Hai provato e riprovato. Sei andato avanti, hai fatto carriera e magari hai anche cambiato lavoro.

Poi hai di nuovo studiato ed applicato. Il lavoro era più complesso e di responsabilità per cui hai studiato ed applicato. Lo hai fatto di continuo. Hai studiato ed applicato. Ancora ed ancora.

Quello che ora ti chiedo di fare per la ricerca del lavoro è… studiare ed applicare.

Niente sconti, niente bacchette magiche, niente aiuti dal cielo.

Studia ed applica, CLICCA QUI adesso

Mentre rifletti sul fatto che quella frase “cercare lavoro è un lavoro” non era proprio messa a caso guarda i video e le guide gratuite per capire come impostare la tua ricerca. Inserisci qui sotto la tua email per vederle.

Buon lavoro!
David

2 Comments

  1. leo

A cosa stai pensando?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.