Candidato: coraggio… fatti discriminare!

candidato-coraggio-fatti-discriminareScopri come nella ricerca lavoro stanno calpestando i tuoi diritti, reagisci e fai sentire la tua voce (prima che sia troppo tardi).

Nota. Quando gli autori fanno riferimento a “Società di Selezione” o simili, non intendono assolutamente riferirsi a tutta la categoria bensì solo a quella parte che opera in maniera scorretta e poco professionale.

Pensi che sia proprio venuto il momento di mettere a disposizione le tue capacità a un nuovo datore di lavoro. Ti metti allora in caccia della nuova azienda che avrà la fortuna di servirsi di tutte le numerose e importanti esperienze che hai maturato.

Mentre scorri gli annunci di lavoro noti una cosa che ti lascia senza parole. Trovi delle offerte discriminatorie, ambigue se non addirittura svilenti.

Pensi che sia solo un errore in quanto i riferimenti espliciti sull’età, sul genere o relativi al luogo di residenza sono espressamente vietati per legge. Poi ti accorgi che non è un errore:

Calpestano i tuoi diritti.

Sono presenti numerose norme che regolano i comportamenti discriminatori nei confronti della tua età.

L’articolo 3 della Costituzione riporta: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.

La legge 276/03 considera l’inserimento dei criteri sull’età negli annunci di lavoro come una “violazione del principio delle pari opportunità”.

Ricevi subito le tue guide gratuite per trovare un nuovo lavoro!

Il decreto legislativo numero 05/10 vieta qualsiasi forma di discriminazione e prevede numerose e severe sanzioni contro chi infrange queste regole.

Malgrado questo, ci sono persone che impunemente ti scartano per l’età tanto da riportare pubblicamente tale discriminazione negli annunci di lavoro.

E' scoraggiante vedere come le società di recruitment e le aziende non tengano conto di una normativa europea e Italiana ( art.3 DLGS 216/03) che VIETA la esposizione della età negli annunci di lavoro. E' perfettamente inutile accampare attenuanti è per giustificare la discriminazione per età. E' il non rispetto della Legge. Fino a qualche tempo fa la discriminazione era presente nei concorsi pubblici. Grazie all'intervento di UNAR e alle nostre segnalazioni, ora tali discriminazioni non ci sono oppure sono ridotte al minimo per ignoranza della legge.
Giuseppe Zaffarano .
Presidente Associazione Lavoro Over 40

Chi ti discrimina?

Abbiamo condotto una piccola verifica andando a leggere annunci di lavoro per manager, quadri e dirigenti indifferentemente dal tipo di professione, tipo di azienda, zona geografica e portale di pubblicazione offerte.

Il risultato è stato desolante…

La quasi totalità degli annunci di lavoro che riportavano il discriminante dell’età erano di alcune Società di Selezione specializzate nella ricerca di Manager, Professionisti ed Executive.

Di seguito puoi trovare qualche esempio di quello che abbiamo trovato ed a cui abbiamo oscurato i riferimenti delle Società di Selezione:

La discriminazione cresce ogni anno.

I report annuali dell’Ufficio Nazionale Antidiscriminazione della Presidenza del Consiglio confermano che l’aumento annuo del numero delle discriminazioni sulle attività di selezione del personale è del 75%.

Detto in altre parole, anche solo dopo 2 anni di attività professionale, la tua probabilità di essere discriminato aumenta di 3 volte rendendo sempre più difficile che tu possa ottenere quel nuovo posto di lavoro che meriti.

Come puoi proteggere i tuoi diritti?

1. Candidati direttamente al datore di lavoro.

La maggior parte delle discriminazioni vengono applicate dalle Società di Selezione (spesso senza che il loro cliente le abbia chieste).

Il modo migliore per evitare che tu sia scartato per la tua “maturità anagrafica” è quindi rivolgerti direttamente al datore di lavoro.

Scarica le guide e i video gratuiti per scoprire come farlo.

2. Cambia il modo di proporti.

Il Curriculum Vitae è stato concepito dalle Società di Selezione per ridurre al minimo le fasi di valutazione di un candidato. Per questo motivo questo documento prevede che l’indicazione della tua data di nascita sia obbligatoria.

Utilizza invece una più efficace forma di comunicazione dove fai capire quali problemi sei in grado di risolvere al nuovo datore di lavoro, dimostrare la tua credibilità e trasmettere la necessità di contattarti per fissare un colloquio.

3. Fatti sentire (ne hai diritto!)

Condividi questo articolo, segnalalo ad amici e conoscenti affinché chi è preposto (e pagato) per evitare che i tuoi diritti non vengano calpestati, sia costretto ad intervenire per far rispettare la legge (prima che sia troppo tardi).

In conclusione…

Quando ho scoperto che esistevano persone che mi scartavano solo perché ero “troppo maturo”, ho creato un efficace metodo per trovare lavoro senza essere discriminato per l’età e l’ho messo a disposizione di tutti.

Inserisci anche tu la tua mail qui sotto per evitare che i tuoi diritti vengano calpestati e trovare il lavoro che meriti.

Ricevi subito le tue guide gratuite per trovare un nuovo lavoro!

Buon lavoro!
David

voglio-i-video01

A cosa stai pensando?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.